I luoghi dietro le pagine: la Sirena del Caffè dei fratelli Fiorio.

Giuseppe Tomasi di Lampedusa, La sirena, Feltrinelli

di Lucia Cattani

«Anche in un caffè deserto
non avverto la solitudine. Ai tavoli stanno
seduti i fantasmi degli ospiti del passato,
o quelli degli ospiti dell’avvenire»
Hermann Kesten

Camminando per le strade di Torino è facile imbattersi in qualche targa dorata di forma ovale: sono poste a ricordare qualcosa di storicamente o culturalmente significativo avvenuto in quel luogo decenni, magari anche secoli addietro.
Via Po ne nasconde diverse: si trova nel cuore della cit Turin (la piccola Torino) ed è una strada di portici antichi e chioschi di libri usati, di caffetterie e drogherie. Inizia proprio alle spalle di Palazzo Madama e conduce in piazza Vittorio, per poi accompagnare il passante al cospetto di quel fiume da cui prende il nome e al ponte che permette di attraversarlo per giungere alla chiesa della Gran Madre di Dio, con le scale di marmo bianco e le statue maestose che sembrano sovrastare e custodire tutto ciò che è compreso dalla cornice delle Alpi all’orizzonte. Continua a leggere

Annunci